giovedì 14 giugno 2012

Forex: spread fissi o variabili

Pamela     giovedì, giugno 14, 2012     Nessun Commento

Il trading sul Forex è caratterizzato dal fatto che non esistono commissioni per effettuare operazioni, ma c'è un costo derivante da uno spread, fisso o variabile, aggiunto dal broker all'effettivo prezzo di un determinato strumento in un dato momento.



Lo spread nel Forex ha un valore di qualche pip e si differenzia in base allo strumento su cui si fa trading, ma talvolta varia anche in base all'orario di contrattazione.


La scelta di un broker Forex dipende spesso da questo tipo di costo, visto che all'apertura di un'operazione, il proprio bilancio è già in perdita di pochi pip, che è appunto lo spread suddetto.

Esistono due diverse tipologie di spread nel Forex:
- spread variabile;
- spread fisso.

Nel primo caso - spread variabile - i pip variano in base allo strumento tradato, ma anche all'orario di contrattazione e ad eventuali notizie. Un valore più basso è indice di liquidità del mercato. Infatti capita che, durante il rilascio di un'importante dato presente nel calendario economico, il valore dello spread possa salire vertiginosamente e ciò vuol dire che in quel dato momento ci sono pochi operatori in quel mercato, perché sono in attesa di un qualcosa che possa indicare la direzione giusta del prezzo.

Facendo un esempio pratico, cosa accade in questi casi? Hai aperto una posizione con un costo di 1 pip variabile, hai impostato uno stop loss di 10 pip e sei ancora dentro nel momento di una notizia importante perché l'andamento è ancora incerto.
Arriva il momento del rilascio della notizia, lo spread sale a 10 pip e prende inevitabilmente lo stop, con una conseguente perdita. Passa qualche minuto, lo spread torna a 1 pip e il prezzo va dove avevi previsto, ma purtroppo non sei più dentro a causa proprio degli spread variabili.

Lo spread fisso invece potrebbe avere un costo maggiore inizialmente (2 o 3 pip di solito) però non aumenta con la differenza di liquidità e quindi con il rilascio delle notizie e altro. Ciò significa che il piano di trading da impostare è meno aleatorio e rischioso in queste fasi.

In definitiva quale conviene scegliere? Dipende dalla propria operatività, ma sicuramente quello fisso dà meno pensieri.

Tra i broker migliori con spread variabili c'è Oanda, mentre con spread fissi Plus 500 che offre anche 25 euro per fare trading senza deposito.


Segui gli aggiornamenti del blog di Trading:

Inserisci l'E-MAIL




NO SPAM! Riceverai gli articoli del blog e puoi cancellare l'iscrizione con un semplice click quando vuoi.

0 commenti :

Attenzione

I contenuti di questo blog non sono un incentivo a fare trading speculativo, ma offrono solo delle direttive per trovare la propria strada in questo business, senza alcuna presunzione di insegnare qualcosa.
Con il trading online il tuo capitale è a rischio, che tu sia trader esperto o principiante e qualsiasi siano gli strumenti finanziari su cui operi. Fai dunque molta pratica con una piattaforma demo.

Broker

markets.com
 
- deposito minimo 100 €/$
- piattaforme MT4, Sirix Webtrader e mobile
- CFD e Forex a spread variabili
- fondi segregati in banche britanniche e tedesche
- quotata alla Borsa di Londra
- social trading

_____________________
- 3 piattaforme ITA (MT4, Ava e mobile)
- conti segregati
- regolamentato da MiFID e Consob
- filiale in Italia e conto UNICREDIT
- pagamenti anche PayPal
- deposito minimo 100 euro
- spread fissi

_____________________


xm.com

- sicurezza dei fondi
- deposito minimo 5 $
- leva finanziaria da 1:1 a 1:888
- Piattaforma Metatrader 4 e mobile
- Forex, CFD, Materie prime e Indici
- spread variabili da 1 PIP
- bonus no deposito

_____________________

I più letti

Indice

Users

Segui gli aggiornamenti

NO SPAM! Cancellazione immediata con un link
© 2015 Trading Forex On line. Designed by Bloggertheme9 Powered by Blogger.