giovedì 27 settembre 2012

Secondo attraversamento: esempio pratico

Pamela     giovedì, settembre 27, 2012     Nessun Commento

Ho già descritto tempo fa le caratteristiche per le entrate di trading con il secondo attraversamento di Joe Ross. In questo articolo non ho alcuna intenzione di ripetere ciò che ho già scritto, ma voglio fare un esempio pratico su come ho gestito un trade sul cambio euro dollaro con questa tecnica.

Clicca sull'immagine per ingrandirla


Ciò che sto per scrivere è dunque soltanto uno dei modi con cui io faccio trading, non è detto che tu debba avere lo stesso metodo. È sempre utile testare tutte le tecniche di trading in demo, mettendole in pratica in prima persona, per capire se funzionano per il proprio modo di operare. Nel trading infatti nessuna strategia è assoluta, bisogna prima testarne il funzionamento in base alla propria operatività.

Dopo questa ampia premessa, spiego come ho operato sulla coppia di valute EUR/USD con la tecnica del secondo attraversamento. Innanzitutto ho pianificato la mia possibile entrata già qualche giorno prima, ho segnato il tutto nel mio diario di trading ed ho scritto anche un post di analisi settimanale - alquanto spartana - sul cambio euro dollaro, tanto per distrarmi dal grafico e dunque evitare operazioni diverse dal mio piano.

-->

Sul grafico a 1 ora del 24 settembre si sono formati due importanti livelli di prezzo, attestati anche nel giorno seguente. A me dunque interessava che il prezzo rompesse uno di questi due punti:
- il massimo della prima ledge (1,2972 circa) e in questo caso l'entrata sarebbe stata long;
- il minimo della seconda ledge (1,2890 circa) e in questo caso l'entrata sarebbe stata short.

Il giorno seguente - 25 settembre - la coppia di valute EUR/USD arriva ai livelli di prezzo della prima ledge, per poi ridiscendere fino al minimo della seconda e poco oltre (prima caccia agli stop) e risalire nuovamente ai livelli della prima ledge fino a superare di poco il massimo (seconda caccia agli stop). Il prezzo scende nuovamente ai livelli precedenti, formando una congestione molto stretta e ciò significa che il punto di rottura potrebbe giungere a breve.

L'entrata più prudente dovrebbe avvenire alla rottura del minimo dell'ultima ledge, quella più stretta. Io tuttavia l'ho filtrata su un time frame più breve, per entrare qualche punto prima, prendendomi un rischio maggiore.

L'operazione è andata bene, anche nella gestione. Esco infatti con la metà del trade appena scorgo la prima incertezza del prezzo e sposto lo stop loss al livello della mia entrata. Con l'altra metà del trade rischio quasi di raggiungere lo stop, ma poi il cambio scende nuovamente. Sposto lo stop loss più in basso quando noto la formazione di una barra doji, sempre a time frame inferiore e il prezzo che resta nuovamente fermo. Il trade è stato poi chiuso in automatico, in quanto il prezzo tocca lo stop loss.

Perché ho scritto questo post? Non per spiegarti nuovamente il secondo attraversamento, ma per farti capire che - nonostante ci siano molte tecniche di trading che funzionano - se non hai la pazienza e la disciplina per applicarle nel modo più adeguato, nessuna di esse funzionerà mai. Quindi devi lavorare in demo (ma come se fosse denaro reale) sulle tecniche, ma anche sul tuo modo di applicarle e gestirle. Nel trading, la parte più complicata da imparare, è proprio quella di gestire se stessi. Approfondirò questo argomento importante nei prossimi articoli, quindi iscriviti alla newsletter (riquadro in alto nel menu laterale) se vuoi essere aggiornato appena pubblico un altro post.

Se vuoi cominciare a fare pratica sul Forex, ti consiglio di aprire un account demo con uno dei broker che offrono Metatrader 4 (ad esempio AvaFX, YoutradeFX o Markets.com).
Se invece vuoi fare pratica senza alcun deposito, ma con soldi reali, apri un account con Plus500 e avrai gratis 25 euro (veri) per fare trading.


Segui gli aggiornamenti del blog di Trading:

Inserisci l'E-MAIL




NO SPAM! Riceverai gli articoli del blog e puoi cancellare l'iscrizione con un semplice click quando vuoi.

, ,

0 commenti :

Attenzione

I contenuti di questo blog non sono un incentivo a fare trading speculativo, ma offrono solo delle direttive per trovare la propria strada in questo business, senza alcuna presunzione di insegnare qualcosa.
Con il trading online il tuo capitale è a rischio, che tu sia trader esperto o principiante e qualsiasi siano gli strumenti finanziari su cui operi. Fai dunque molta pratica con una piattaforma demo.

Broker

markets.com
 
- deposito minimo 100 €/$
- piattaforme MT4, Sirix Webtrader e mobile
- CFD e Forex a spread variabili
- fondi segregati in banche britanniche e tedesche
- quotata alla Borsa di Londra
- social trading

_____________________
- 3 piattaforme ITA (MT4, Ava e mobile)
- conti segregati
- regolamentato da MiFID e Consob
- filiale in Italia e conto UNICREDIT
- pagamenti anche PayPal
- deposito minimo 100 euro
- spread fissi

_____________________


xm.com

- sicurezza dei fondi
- deposito minimo 5 $
- leva finanziaria da 1:1 a 1:888
- Piattaforma Metatrader 4 e mobile
- Forex, CFD, Materie prime e Indici
- spread variabili da 1 PIP
- bonus no deposito

_____________________

I più letti

Users

Segui gli aggiornamenti

NO SPAM! Cancellazione immediata con un link
© 2015 Trading Forex On line. Designed by Bloggertheme9 Powered by Blogger.