martedì 12 febbraio 2013

Opzioni Binarie: la finanza che fa tendenza

Pamela     martedì, febbraio 12, 2013     Nessun Commento

Dall'inizio della crisi della finanza mondiale i mercati di investimento si sono diffusi come mai prima d'ora! Mentre a causa della grande volatilità e delle turbolenze dei mercati gli investitori hanno continuato a puntare per gran parte dei loro portafogli su beni molto sicuri, dal primo crollo dei mercati nell'autunno 2011 in molti si sono rivolti anche a mercati speculativi e di rendita. Una tendenza che si sta rafforzando in vista di una crescente inflazione.



 1# Le opzioni binarie offrono interessanti modelli di rendita


Per questa ragione oggi le opzioni binarie costituiscono un'alternativa molto interessante per molti investitori privati. Al momento della loro comparsa nel 2008 sulla CBOE (Chicago Board Options Exchange), le opzioni binarie erano aperte solo agli investitori istituzionali, ma nel frattempo sono divenute disponibili per gli investitori privati anche sul mercato europeo.

Inoltre le opzioni binarie offrono strumenti finanziari derivati extra-borsistici (i cosiddetti OTC), i quali si caratterizzano per una struttura di pagamento semplice e trasparente. Al contratto di acquisto corrisponde sempre un bene di appoggio (ad esempio delle azioni) e una soglia da raggiungere. Se il bene raggiunge tale soglia l'opzione pagherà una vincita prestabilita. Se invece la soglia non viene raggiunta non si ottiene alcuna vincita. A ragione di questa struttura di pagamento digitale le opzioni binarie sono spesso chiamate anche opzioni digitali.
-->

2# Le opzioni binarie sono uguali alle opzioni classiche


Proprio come nel caso delle opzioni “normali”, con le opzioni binarie l'investitore può agire sia come acquirente (opzioni Call) che come venditore (opzioni Put). Le opzioni Call consentono di guadagnare con i movimenti in crescita, mentre le opzioni Put consentono di sfruttare le fluttuazioni in calo.

In qualità di contraenti per queste opzioni si presentano i cosiddetti Market Maker. L'investitore può invece contare su una vasta scelta di broker online con cui svolgere le sue operazioni, in modo da scegliere quello che secondo le sue esigenze gli offre i maggiori vantaggi. Il broker, in questa attività, svolge una funzione di mediazione, mentre le operazioni con opzioni vere e proprie vengono gestite solitamente da un istituto di investimento più grande in qualità di contraente.

A seconda dell'istituto di investimento variano anche le possibilità di scelta dei beni con cui operare. Di norma tutti gli operatori offrono opzioni binarie con beni come azioni, indici e valute. Inoltre molti Investment Banker arricchiscono l'offerta con opzioni binarie basate su materie prime (in particolare metalli preziosi quali l'oro e il platino).

3# Sul mercato esistono diversi tipi di opzioni binarie


Sebbene la sostanza generale delle opzioni binarie sia sempre la stessa, ne esistono di varie forme. Queste opzioni si distinguono tra loro nel modo in cui la soglia venga dichiarata raggiunta o non raggiunta. Le modalità più diffuse sono le opzioni Cash-or-Nothing, Asset-or-Nothing, One-Touch, No-Touch, Double-One-Touch, Double-No-Touch.

Così, ad esempio, nel caso delle opzioni Cash-or-Nothing si ha una vincita predeterminata nel caso in cui la soglia imposta sia stata raggiunta, oppure niente in caso contrario. Di solito molti broker, però, garantiscono un rimborso minimo anche nel caso in cui l'opzione si riveli infruttuosa. Tale rimborso si aggira nella maggior parte dei casi tra il 10 e il 15 percento della somma investita, in modo da scongiurare una perdita completa.

In generale possiamo affermare che, nonostante la trasparenza e la semplicità delle opzioni, è comunque difficile valutare con precisione il fattore di rischio per gli investitori privati.



Segui gli aggiornamenti del blog di Trading:

Inserisci l'E-MAIL




NO SPAM! Riceverai gli articoli del blog e puoi cancellare l'iscrizione con un semplice click quando vuoi.

0 commenti :

Attenzione

I contenuti di questo blog non sono un incentivo a fare trading speculativo, ma offrono solo delle direttive per trovare la propria strada in questo business, senza alcuna presunzione di insegnare qualcosa.
Con il trading online il tuo capitale è a rischio, che tu sia trader esperto o principiante e qualsiasi siano gli strumenti finanziari su cui operi. Fai dunque molta pratica con una piattaforma demo.

Broker

markets.com
 
- deposito minimo 100 €/$
- piattaforme MT4, Sirix Webtrader e mobile
- CFD e Forex a spread variabili
- fondi segregati in banche britanniche e tedesche
- quotata alla Borsa di Londra
- social trading

_____________________
- 3 piattaforme ITA (MT4, Ava e mobile)
- conti segregati
- regolamentato da MiFID e Consob
- filiale in Italia e conto UNICREDIT
- pagamenti anche PayPal
- deposito minimo 100 euro
- spread fissi

_____________________


xm.com

- sicurezza dei fondi
- deposito minimo 5 $
- leva finanziaria da 1:1 a 1:888
- Piattaforma Metatrader 4 e mobile
- Forex, CFD, Materie prime e Indici
- spread variabili da 1 PIP
- bonus no deposito

_____________________

I più letti

Users

Segui gli aggiornamenti

NO SPAM! Cancellazione immediata con un link
© 2015 Trading Forex On line. Designed by Bloggertheme9 Powered by Blogger.